San Bassano e la sua gente alla Madonna

04/05/2020  - 628 letture     Biblioteca

San Bassano e la sua gente alla Madonna

San Basaan e la so zèent a la Madona” è la poesia di un cantore dialettale della nostra terra che racconta questo appuntamento annuale con il pellegrinaggio alla Misericordia che si perpetua da oltre duecento anni. Quest’anno, il “Primo di Maggio”, è stato un “andare” col cuore e con lo spirito, più che con le gambe, ma moltissimi si sono comunque ricordati di questa data, come si ricorda il compleanno di una persona cara. E Maria è certo una persona cara a molti, molti che hanno affidato a lei le angosce e i pensieri di questo difficile momento, che hanno confidato in lei Madre di Speranza.

Dall’archivio fotografico della Biblioteca Comunale propongo, in versione completamente inedita, una piccola raccolta di foto in ricordo di “Primo Maggio del passato” quando la spensieratezza e la voglia di stare insieme si concretizzava nel pranzo al sacco sul prato intorno al Santuario, all’ombra dei numerosi tigli. Ogni gruppo famigliare con il suo spazio, ogni famiglia raccolta intorno alle cibarie tipiche dell’occasione. Pane e salame, uova sode, torta casalinga, bottiglione di vino e tanta allegria. Ne erano piene le sporte trasportate, assieme ai bambini e agli anziani, sui carri che lesti seguivano la processione.

Ed era così che il “Primo di Maggio” per noi di San Bassano, rappresentava un giorno speciale…. che quest’anno un po’ ci è mancato.

Maurizio Bonardi.

Tutte le foto sono degli anni ’50, primi anni ‘60.

Pellegrini al santuario

Pellegrini al santuario

Pellegrini al santuario

Pellegrini al santuario

Pellegrini al santuario

Pellegrini al santuario

Pellegrini al santuario

Pellegrini al santuario

Condividi:


Contattaci
Un pratico modulo da compilare per corrispondere direttamente con gli uffici comunali.

torna all'inizio del contenuto